Il professor LEGO trova una cattedra a Cambridge

 /   / 

Il professor LEGO trova una cattedra a Cambridge


Quando pensiamo ai mattoncini LEGO ci vengono subito in mente dei bambini (e non solo!) che costruiscono dei sogni nei pomeriggi dopo la scuola. Ma, in futuro, il connubio scuola-LEGO non sarà più impensabile.

Infatti, entro l’ottobre di quest’anno, la prestigiosa Università di Cambridge riceverà un finanziamento dalla società di giocattoli LEGO con l’intento di creare una nuova cattedra per la Facoltà di Scienze dell'Educazione. Il futuro "professor LEGO" e il suo team dirigeranno un nuovo centro di ricerca che si concentrerà sulle relazioni dei bambini con il gioco in materia d’istruzione, di sviluppo e di apprendimento. Un altro obiettivo sarà esaminare in che modo il gioco senza restrizioni può favorire un miglioramento dell'educazione di un bambino.

Università di Cambridge

Questa nuova e insolita figura accademica è stata creata dall'università dopo aver ricevuto ben 6,2 milioni di dollari in donazione dalla Fondazione LEGO, che ha lo scopo “di rendere la vita dei bambini migliore e le comunità più forti”, rendendo il valore fondamentale del gioco capito, abbracciato e che porti ad agire di conseguenza. La Fondazione LEGO non è nuova a questo tipo di iniziative e detiene il 25% della società di giocattoli danese.

Il professor LEGODa sottolineare come LEGO abbia rischiato il fallimento agli inizi del nuovo millennio e che, dunque, si rese necessaria l’idea di rilanciare il vecchio modo di apprendere giocando, dando nuova linfa vitale al mondo dei giocattoli.

Il nuovo amministratore delegato della LEGO, Jorgen Knudstorp, intuì che l’azienda aveva perso il contatto con i propri clienti e avviò un’indagine per capirne il motivo e per trovare una nuova strada da intraprendere. La squadra di Knudstorp chiese ai bambini intervistati come avrebbero desiderato la propria cameretta e scoprirono che la maggior parte di loro sognava porte segrete, passaggi nascosti, supereroi dei film e regni fantastici.

Vi ricorda qualcosa?


shadow

Potrebbe interessarti anche...